Anche i cani emigrano in Germania
Ecco la nuova vita dei randagi sassaresi

Cronaca

SASSARI. Ieri pomeriggio la sala "Nino Langiu" del Comando della Polizia Municipale ha ospitato l'incontro pubblico promosso dall'amministrazione comunale di Sassari con le associazioni animaliste che operano sul territorio.
Il convegno è stato l'occasione  per chiarire definitivamente le attività di adozione internazionale di cani da parte dell'associazione tedesca ProTier E.V. e il rapporto di fiducia che lega il Comune di Sassari, l'associazione Qua la zampa e i volontari che operano in Germania, rapporto che però era stato interrotto qualche mese fa a causa delle pesanti accuse per tratta di animali rivolte alla ProTier da parte di alcune associazioni animaliste che operano sul territorio, accusa poi rivelatesi infondata. In apertura dei lavori è stato proiettato un filmato sui cani adottati, eseguito direttamente sul posto dal cameraman Marco Tolu che ha accompagnato in Germania le volontarie.

Nel 2013 l'amministrazione comunale ha investito oltre 700 mila euro nella cura dei 758 cani ospitati nel canile comunale di Funtana Sa Figu, e nelle altre strutture convenzionate. L'aumento considerevole del numero di ospiti all'interno del canile nel corso degli ultimi anni, al quale non è corrisposto purtroppo un  numero adeguato di richieste di adozione da parte dei cittadini di Sassari e dintorni, ha costretto l’amministrazione comunale e  l'associazione a trovare nuove soluzioni affinché ai cani più svantaggiati perché  avanti con l’età,  ammalati o portatori di un handicap fisico o a quelli adulti di grossa taglia e quindi difficilmente collocabili, fosse garantita comunque la prospettiva di un futuro migliore, anche all'estero, presso strutture adeguate in grado di accoglierli e di occuparsene con affetto e dedizione. Solo dopo attente ricerche, seguite da contatti e verifiche personali da parte degli operatori di Qua la zampa la scelta da parte dell’amministrazione comunale è ricaduta sull’associazione ProTier, con sede a Neuss, in Germania. La collaborazione con la ProTier ha portato all'adozione di un elevato numero di cani (ad oggi sono 110) i quali, dotati di tutte le vaccinazioni richieste e del certificato di buona salute rilasciato dalle competenti autorità veterinarie della ASL, sono  stati prima affidati alla ditta  Taxi Dog per il trasferimento in aeroporto e quindi trasferiti in Germania dove gli incaricati ProTier li hanno accolti e condotti presso la famiglia adottante o affidataria.

 

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione