Punto nascita La Maddalena chiuso
La Lorenzin: "Non sarebbe sicuro, ci pensi la Regione"

Cronaca
di Davide Mosca
OLBIA. Il Punto Nascita di La Maddalena non sarebbe sicuro. E' quanto ha dichiarato, ieri, il ministro della salute Beatrice Lorenzin durante l'interrogazione al question time del mercoledì su sollecitazione del deputato Pierpaolo Vargiu. Si allontana sempre di più la speranza di riapertura del punto nascita. Il ministro ha dichiarato che non ci sarebbero le condizioni di riapertura visti i "soli" 67 parti all'anno rispetto ad un minimo prestabilito in 500. E dalla Regione non è arrivata alcuna richiesta di deroga - ha dichiarato il ministro Lorenzin- che ha poi aggiunto che spetterà alla Regione mettere in campo tutti gli strumenti e i modelli necessari per garantire la sicurezza delle partorienti che da La Maddalena dovranno prendere il traghetto, attraversare il mare, arrivare a Palau e da lì percorrere quasi un'ora di strade tortuose, dissestate e soprattutto trafficate nel periodo estivo. Insomma nonostante il ministro conosca bene il nord della Sardegna, visto che è meta delle sue vacanze estive, ha scaricato la palla alla Regione Sardegna che ora dovrà spiegare ai cittadini quanto ha fatto e cosa intenderà fare per limitare al massimo i disagi.

Per quanto riguarda l'elisoccorso ci sarà il bando del servizio, non ancora assegnato. Ma chi conosce La Maddalena e il nord della Sardegna sa che qui il maestrale può toccare anche punte di 70 nodi, condizioni proibitive per il volo dei mezzi aerei e soprattutto in sicurezza. Al momento risulta confermata la grande manifestazione di protesta prevista a Cagliari. Nel frattempo il sindaco di Luras, Maria Giuseppina Careddu ha commentato così: "Che dire al Ministro Lorenzin?
Che le doglie per il prossimo figlio possa averle in un traghetto."

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione