MITIGAZIONE RISCHIO IDRAULICO

Il comune di Olbia dà il via libera alla demolizione della prima opera incongrua

Cronaca
OLBIA. Il Comune di Olbia ha inviato alle aziende la lettera di invito alla partecipazione alla procedura negoziata per la demolizione della rampa di collegamento della statale 127 con via Imperia.
«Stiamo procedendo all’attuazione degli interventi cosiddetti “opere incongrue”, una delle azioni prioritarie per la mitigazione del rischio idraulico e mettere in sicurezza la nostra città. Si tratta di demolire tutti quei ponti che ostacolano il regolare deflusso delle acque dei fiumi in caso di piena, così come avvenuto durante le alluvioni del 2013 e del 2015. Per alcuni ponti è prevista anche la ricostruzione, come nel caso del ponte di Via Vittorio Veneto, abbattuto durante l’alluvione del 2015 e attualmente in ricostruzione. Nel caso della rampa nei pressi dello stadio Nespoli, che attraversa il Rio Siligheddu, è prevista solo la demolizione».

Gli operatori economici che potranno partecipare alla gara sono stati indicati dal settore comunale competente,  Ambiente e Lavori Pubblici, nel rispetto del principio di rotazione degli inviti e, come previsto dalla normativa, se iscritti all’Elenco degli operatori economici e professionisti dell’Ente, gestito telematicamente.

Le aziende che parteciperanno alla procedura negoziata, dovranno fare un’offerta al ribasso, partendo dalla base di € 996.817,97. L’appalto sarà finanziato mediante fondi regionali. Le buste con le offerte verranno aperte il 2 Maggio in seduta pubblica: prima di tutto si verificherà che il plico sia arrivato nei termini previsti e che la documentazione sia presentata in modo completo e formalmente corretto rispetto a quanto richiesto. Successivamente si procederà, per i concorrenti ammessi, all’apertura della busta contenente l’offerta economica.
Il tempo utile che avrà l’azienda vincitrice della gara per ultimare i lavori, è di 60 giorni a partire dalla data del verbale di consegna dei lavori.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione

Leggi anche