S'Iscuru

Lavoratori poste del nord Sardegna in sciopero il 1 luglio per carenze di personale

Cronaca
OLBIA. Le Segreterie Territoriali Slp-Cisl di Sassari e Gallura, unitamente alle OO.SS. Failp-Css, Sailp-Confsal, UglCom, e la RSU della Filiale di Sassari, hanno proclamato uno sciopero delle prestazioni straordinarie e aggiuntive dal 12 Giugno al 7 Luglio 2017 e il giorno 1 Luglio sciopero generale di tutto il personale applicato alla sportelleria compresi gli amministrativi.
Le motivazioni che hanno portato le scriventi OO.SS e la RSU a una protesta cosi forte e pesante sono: carenze di personale, ferie, pressioni commerciali, distacchi, strumenti di lavoro, locali di lavoro, sicurezza ecc ecc.
Temi che sono stati riconosciuti attuali in tutta Italia dal nuovo A.D. nel primo incontro che si è tenuto a Roma il 13 cm con le OO.SS Nazionali.

"I responsabili Aziendali locali, nei diversi incontri avuti, a Sassari e a Cagliari, non hanno riconosciuto i dati da noi forniti sulle carenze di personale, ormai diventata cronica, creando file interminabili agli sportelli in particolare modo nelle città di Olbia e Sassari, ma anche nei centri secondari, spostando il personale sportellista giornalmente dagli uffici piccoli verso quelli monitorati da Agicom sguarnendo e creando disagio anche nei piccoli centri.

La risposta Aziendale è stata, quattro assunzioni par- time per 15 gg al mese per Luglio-Agosto-Settembre, da applicare negli uffici di Alghero n. 2 unità , Arzachena, n. 1 e S. Teresa di Gallura n.1, per garantire le carenze strutturale, per erogare le ferie, per coprire le malattie, le maternità e le altre assenze del personale che in tutta la Filiale di Sassari è di circa 400 unità. Nessuna risposta per quanto riguarda la nostra richiesta su strumenti di lavoro idonei per velocizzare e rendere sicure le operazioni allo sportello.
Chiediamo da sempre formazione e non le solite informazioni generiche, riferite in particolar modo ai nuovi prodotti commerciali e ai nuovi sistemi operativi, installati agli sportelli per evitare situazioni imbarazzanti e di disagio nei confronti della clientela.

I ritmi di lavoro, in particolare alla sportelleria, per la moltitudine di prodotti da proporre, sono diventati massacranti e stressanti a causa delle continue pressioni commerciali dei responsabili Aziendali con controlli forse al limite del mobbing.
Chiediamo da tempo in tantissimi uffici interventi di ripristino o, dove non possibile, dei nuovi locali, in quanto privi di spazi sufficienti o malsani per la clientela e per il personale addetto.
Nonostante i nostri ripetuti solleciti, nulla è stato fatto, e, nostro malgrado, saremo costretti a informare di tale situazione gli organi competenti.  Ci stiamo avvicinando al periodo estivo dove, molti uffici costieri e dell’interno, per il forte flusso turistico, saranno, anche quest’anno, presi d’assalto creando problemi di sicurezza con forte disagio per la clientela.

La programmazione e la fruizione delle ferie estive, in molti uffici della Filiale di Sassari, sta diventando un incubo per i colleghi che hanno prenotato viaggi e case per le loro vacanze, non avendo avuto ancora conferma e certezza, nonostante la preventiva programmazione da parte del personale sia stata fatta con notevole anticipo. Tutto questo non fa che aumentare lo stress del  personale.  Con la presente ci scusiamo con la nostra clientela per i disagi che andremo a creare ma siamo stati costretti ad una azione così forte per difendere i nostri diritti e garantire un servizio migliore a tutti i cittadini e alla clientela postale".

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione