Incendio tra Budoni e San Teodoro, in azione dall'alba i mezzi aerei per una giornata ancora critica

Cronaca
OLBIA. I Canadair dei vigili del fuoco e gli elicotteri hanno riacceso i motori stamani alle prime luci dell'alba e sono decollati dall'aeroporto Costa Smeralda di Olbia per arrivare nelle campagne tra Budoni e San Teodoro. Lì dove il fuoco è ancora acceso. Allerta massima anche per la giornata di oggi. Ancora di intensità sostenuta il vento di maestrale che soffierà per tutta la giornata lasciando un po' di tregua per la giornata di domani. Domenica, invece, il vento ruoterà per lasciar spazio al grecale. La protezione civile regionale ha emesso per la giornata di oggi il bollettino di criticità massima. Sul posto le squadre dei vigili del fuoco che sono arrivate da Sassari, Olbia,Tempio Pausania e Nuoro che hanno allestito un posto di comando avanzato.

Ancora in corso le operazioni di spegnimento sia a Budoni/San Tedooro che ad Alà dei Sardi. Lì dove il fuoco ha mangiato centinaia di ettari di macchia mediterranea e dove le fiamme hanno costretto le autorità e i comuni ad attivare i piani di protezione civile per la messa in sicurezza di residente e turisti che in questo. Oltre mille evacuati, nella notte, dalle frazioni di Agrustos, Ludduì, Birgalavò e San Teodoro. A titolo precauzionale sono stati messi in sicurezza anche gli ospiti dei resort Costa Caddu e di Lu Miriacheddu. La zona colpita dagli incendi in questo momento è popolata da più di 80mila persone.  Attivati anche i centri operativi comunali e massima allerta anche della prefettura di Sassari che coordina le operazioni.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione

Leggi anche