S'Iscuru

La Regione ribadisce il No al deposito di scorie nucleari in Sardegna

Cronaca
OLBIA. La Regione lo ha già detto più volte e lo ha ribadito anche a Roma: la Sardegna non vuole il deposito delle scorie nucleari. “Sulla questione non ci sono mai state ambiguità. La posizione della Regione è sempre stata espressa con chiarezza fin dal 2015: la comunità sarda, già gravata dal peso delle servitù militari, è assolutamente contraria”, dice l'assessora Donatella Spano. "Sulla procedura di Vas, la valutazione ambientale strategica per il Programma Nazionale per la gestione del combustibile esaurito e dei rifiuti radioattivi, si deve evidentemente chiarire che non riguarda la Carta nazionale delle aree potenzialmente idonee, che non è stata ancora resa nota, ma – afferma ancora l’assessora Spano – le modalità gestionali del trattamento rifiuti nel futuro sito nazionale ancora da individuare e non oggetto del programma posto a valutazione ambientale strategica. Sulla Vas in corso la Regione ha deciso di coinvolgere anche gli altri soggetti istituzionali con interesse ambientale per formulare un unico documento entro i termini di scadenza del 13 settembre”.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione