S'Iscuru

L'Olbia trionfa sul Cagliari primavera per 2-0

Sport
OLBIA. Quarta amichevole stagionale per l'Olbia che sul campo di Lunamatrona è scesa in campo questo pomeriggio per sfidare il Cagliari Primavera allenato da mister Canzi. I bianchi si sono imposti sulla squadra rossoblù con il risultato di 2-0, maturato per effetto delle reti (una per tempo) siglate da Kouko e Arras.
Mister Mereu ha schierato un undici iniziale molto simile a quello visto di scena in Coppa Italia contro l'Arzachena. Con Aresti ancora a riposo precauzionale per i postumi di una botta al braccio, l'Olbia è scesa in campo con Van der Want in porta, linea difensiva composta da Pinna, Pisano, Dametto e Cotali, centrocampo composto da Muroni, Geroni, Feola con Piredda trequartista a supporto di Ogunseye e Kouko. Massima attenzione prestata al mantenimento delle distanze tra reparti e all'applicazione dei dettami tattici provati al mattino. Un atteggiamento che ha prodotto svariate occasioni da gol capitate sui piedi della coppia d'attacco ben assistita da lavoro sulle corsie laterali. La rete rompe il ghiaccio arriva arriva al 35', con Kouko che pennella dal limite trovando l'angolo sul secondo palo.

Nella ripresa spazio a tutti gli altri effettivi con Senesi, Iotti, Vasco e Manca a comporre la linea difensiva, Vispo, Marongiu e Pennington la mediana e Murgia a giostrare dietro il duo Ragatzu-Arras. Sono proprio le due frecce d'attacco a rendersi immediatamente pericolose nelle prime battute della frazione. La punta classe 1998 è bravo a smarcarsi in un paio di circostanze ma non è preciso al tiro, mentre Ragatzu al 52' scocca un destro a giro che si stampa prima sulla traversa e poi sulla linea. Pennington va vicino al gol con un colpo di testa ravvicinato, Murgia con un'incursione sventata da Daga, ma a trovare il raddoppio è Arras, che all'87' è lesto a battere Daga da posizione ravvicinata.
Un altro buon test per l'Olbia, che continua a mettere minuti sulle gambe e fiato nei polmoni. Domani si torna in campo con una nuova doppia sessione di allenamento.



© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione