Olbia Di Pinta 2018
ARTEMISIA INTERNATIONAL GALLERY

Successo per la prima Biennale d'Arte Contemporanea a Olbia

OLBIA. Dal 23 giugno al 1° luglio, il Centro storico di Olbia ha ospitato la prima Biennale d’Arte Contemporanea organizzata dall’associazione olbiese Artemisia International Gallery. L’evento si è svolto nella doppia sala espositiva di via Cavour 2: a due passi da Piazza Regina Margherita e Piazza Matteotti.
Alla mostra hanno partecipato 27 artisti per un totale di oltre 100 opere esposte. La prima tappa della Biennale è stata un grande successo di pubblico e di critica: le opere hanno emozionato, colpito e ammaliato i visitatori che durante i giorni di apertura hanno visitato le due sale di via Cavour.

La premiazione della prima esposizione della Biennale si è svolta il primo luglio alla presenza della presidente Maria Caterina Mariano, del direttore artistico Artemisia dott. Vincenzo Cachia e della critica d’arte dott.ssa Emanuela Esposito.
Il primo premio è stato assegnato a due artisti di razza. Demmy Avanzi, autore della personale della Sala Grande: la sua pittura onirica e quasi fatata ha incantato pubblico e giuria. Primo premio anche per la lurese Gianna Bellu, le sue incredibili ceramiche e i suoi dipinti materici: un sogno tra oro, azzurro ed emozioni.

 Al secondo posto, a pari merito, ecco sei artisti straordinari in netta crescita: Elisabetta Cocco, Matteo Delogu, Maria Gattu, Angelo Ribezzi, Giac (Giacomo Caadducciu), Ilaria Manzoni. Al terzo posto: Paolo Poggioli, Tullio Dalla Piccola, Monica Zorzi, Paola Papa, Michela Pileri, Dama Viola, Anna Maria Usai.Premio speciale per Piera Pazzaglia, la regina del naif e della delicatezza.
Menzione speciale per Tina Virgilio, Elena Bellotti, Maria Ludovica Pantoli, Antonietta Orsi. Targa a pari merito per la Sezione Giovani: Susanna Braccini, Rita Fori e Michelino Mariano. Attestato per le scrittrici Erica Milano, Maria Gattu Soma, Mariuccia Gattu Suddo e lo scrittore Giuseppe Rudisi.


© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
SIDDURA MAÌA