L.stabilità: Oice, agevolare fusioni e aggregazioni

economia
AdnKronos
Roma, 4 nov. (AdnKronos) - E' necessario agevolare sia le fusioni e le aggregazioni fra imprese che rendono servizi professionali, sia il miglioramento dei processi produttivi del progetto, come il Bim, il Building Information modeling. Sono queste le prime richieste sulla legge di stabilità 2015 avanzate dall’Oice, l’Associazione delle società di ingegneria e di architettura aderente a Confindustria che riunisce 435 società, con più di 10.000 addetti e un fatturato verso committenti pubblici e privati pari a 1,4 miliardi."Abbiamo preso atto che nel disegno di legge -sottolinea il presidente Oice, Patrizia Lotti- vi sono molte positive norme a favore delle imprese che pertanto sono di particolare interesse anche per le società di ingegneria e di architettura. Sono senz’altro condivisibili gli interventi sull’Irap e sulle assunzioni che anche Confindustria ha valutato positivamente. Riteniamo però che Governo e Parlamento -aggiunge- possano migliorare il testo su molti aspetti perché il nostro settore, anche per reggere il confronto con la competizione internazionale, deve essere maggiormente rafforzato nelle dimensioni e nella capacità di innovare i propri processi produttivi".Due sono i terreni sui quali l’Oice ritiene necessario supportare le organizzazioni imprenditoriali che operano nel settore: "nel corso di questi venti anni la normativa -rileva- ha consentito la costituzione di numerose società che operano, in Italia e all’estero, nel settore privato e pubblico, e ne ha anche favorito l’aggregazione attraverso forme consortili stabili".

Leggi anche

SIDDURA