Oltre 70.400 le tonnellate di rifiuti elettrici ed elettronici trattate nel 2013

Sostenibilita
AdnKronos
Roma, 25 feb. - (Adnkronos) - In tutta Italia, oltre 70.400 tonnellate di Raee (Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche come frigoriferi, lavatrici, lavastoviglie, forni e cappe) trattati nel 2013, con un riciclo di 43.723 tonnellate di ferro, 1.684 di alluminio, 1.974 di rame e 6.840 di plastica. E 768.000 tonnellate di anidride carbonica (Co2) non immesse in atmosfera. Sono questi i dati comunicati da Ecodom, il Consorzio Italiano per il Recupero e il Riciclaggio degli Elettrodomestici, sull'attività relativa all'anno 2013. I dati 2013 evidenziano una lieve flessione della quantità totale dei Raee gestiti rispetto al 2012, con un calo dell'1,5% circa (una contrazione comunque contenuta rispetto al -17% fatto registrare nel 2012); rilevante è il beneficio ambientale: oltre alla riduzione della quantità di Co2, le materie prime seconde (ferro, alluminio, rame e plastica) ottenute dal riciclo delle 70.400 tonnellate di elettrodomestici trattati hanno consentito, nel 2013, un risparmio di oltre 73.000.000 kwh di energia elettrica rispetto a quanto necessario per estrarre materiale 'vergine'. A livello territoriale, è ancora una volta la Lombardia la regione più virtuosa in base ai Raee gestiti da Ecodom: (sono state 13.772 le tonnellate di apparecchiature trattate, pari a 13.378.000 kWh di energia risparmiata e 132.850 tonnellate di CO2 non immesse nell'atmosfera). Seguono la Toscana (con 7.127 tonnellate di Raee gestiti) e l'Emilia Romagna (7.086 tonnellate). Buona anche la performance del Lazio, che si conferma al settimo posto nella classifica delle le regioni 'più virtuose' con 3.657 tonnellate di Raee gestiti (2.225 tonnellate di R1 e 1.432 tonnellate di R2), che hanno consentito un risparmio di 4.267.000 kwh di energia elettrica e la mancata immissione nell'atmosfera di ben 48.850 tonnellate di Co2. Fanalino di coda è il Molise con soli 152 tonnellate di Raee gestiti. "Rispetto al forte calo registrato nel 2012, la quantità dei Raee gestiti dal Consorzio nel 2013 è rimasta sostanzialmente stabile" afferma Giorgio Arienti, direttore generale di Ecodom sottolineando che "il risultato annuale è frutto di due semestri in contrasto tra loro". Nel primo, "c'è stata una riduzione delle quantità di circa il 16% rispetto allo stesso periodo del 2012, mentre il secondo semestre ha quasi completamente recuperato tale flessione per effetto dell'incremento delle quote di mercato dei Produttori aderenti al Consorzio e della diminuzione del valore delle materie prime seconde, che ha reso i Raee meno appetibili per tutti quei soggetti interessati più al profitto che all'ambiente".

Leggi anche