Slow Food: a maggio congresso per eleggere presidente ed esecutivo

Si terrà dal 9 all'11 maggio a Riva del Garda (Tn).

Professioni
AdnKronos
Bologna, 26 feb. (Labitalia) - "Il 2014 sarà sicuramente un anno importante per Slow Food: si festeggeranno il decimo anniversario di Terra Madre e dell'Università degli studi di Scienze gastronomiche di Pollenzo e ci si ritroverà per la decima volta a Torino per il Salone del Gusto e Terra Madre, dal 2012 un unico evento. Riflettori puntati anche sul congresso di Slow Food Italia, in cui 750 delegati eleggeranno i nuovi gruppi dirigenti e un nuovo presidente, che prenderà le redini dell'associazione tenute da Roberto Burdese negli ultimi otto anni". E' quanto si legge in una nota di Slow Food.Il congresso nazionale di Slow Food Italia si terrà dal 9 all'11 maggio presso il Centro Congressi di Riva del Garda (Tn), struttura polifunzionale e all’avanguardia, con il sostegno della Provincia di Trento e di Trentino Spa, il Comune di Riva del Garda e la Camera di commercio di Trento. Il congresso nazionale farà seguito a 16 congressi regionali, nell'ambito dei quali verranno rinnovati i gruppi dirigenti territoriali e saranno nominati i delegati al congresso nazionale. Sono già in corso di svolgimento oltre 250 congressi di condotta che stanno votando i programmi delle unità di base della struttura di Slow Food Italia, eleggendo i gruppi dirigenti e i delegati ai congressi regionali. "Per la prima volta nella storia di Slow Food Italia -continua la nota- non si sceglie solo il presidente ma l'intero esecutivo, che avrà l'onere di governare l'associazione per un mandato di quattro anni. E per la prima volta ci sono due squadre a confrontarsi. 'Seminiamo il futuro, coltivando il presente' è la lista che propone Gaetano Pascale candidato alla carica di presidente, Daniele Buttignol segretario nazionale e Lorenzo Berlendis, Sonia Chellini, Francesca Rocchi vicepresidenti. 'Relazioni che cambiano il mondo' invece è la lista che vede Cinzia Scaffidi candidata alla carica di presidente, Laura Ciacci segretario nazionale e Silvio Greco, Francesco Mele, Daniela Rubino vicepresidenti. I programmi e le priorità delle due squadre, presentati in questi giorni, confermano -conclude la nota- la condivisione dei principi fondamentali e degli ideali di Slow Food: rafforzamento delle basi territoriali e della rete di Terra Madre, importanza sempre maggiore alle attività educative, consolidamento dei progetti cardine come l'Arca del Gusto e i Presìdi, senza mai perdere di vista l'internazionalità del movimento".

Leggi anche