Mafia: Dia Agrigento sequestra beni per 1,5 mln euro a cinque boss (2)

cronaca
AdnKronos
(AdnKronos) - Damiano Marrella, già arrestato dalla Dia di Agrigento nell’ambito dell’operazione 'Minoa' è stato condannato alla pena di 8 anni di reclusione. Il sequestro di beni operato sul conto di Marrella ha riguardato un immobile sito in Montallegro, fondi d’investimento ed altri rapporti bancari, per un valore complessivo di circa 300.000 euro. Per quanto riguarda Pasquale Alaimo, il 6 marzo 2007 era stato sottoposto a fermo di indiziato di delitto emesso dalla Dda di Palermo nell’ambito dell’indagine denominata 'Camaleonte', poiché indiziato di far parte della famiglia mafiosa di Favara. Successivamente, con sentenza della Corte d’Appello di Palermo irrevocabile il 2/10/2012, era stato condannato alla pena di 13 anni di reclusione per associazione mafiosa. Il provvedimento di confisca a carico di Alaimo ha colpito immobili, automezzi, polizze assicurative, libretti di deposito, fondi comuni d’investimento, un conto corrente bancario ed una autovettura, per un valore complessivo di 270.000 euro circa.

Leggi anche

Olbia Arena Elisa 27 agosto 2022