Immigrati: Berti (M5s), se per la Moretti non è un problema, li ospiti a casa sua

cronaca
AdnKronos
Padova, 23 apr. (AdnKronos) - "Il Viminale informa che arriveranno 5mila nuovi migranti a settimana almeno fino a settembre. Saranno 200mila entro la fine dell'anno. Le inflessibili regole degli accordi di Dublino prevedono che sia il paese di approdo a dare asilo ai profughi. Al Veneto devono andare il 7,28% di immigrati secondo la quota del Fondo Sociale, che viene diviso tutti gli anni tra le Regioni. Venezia ipotizza la creazione di una tendopoli per accogliere i migranti. La Moretti ha detto che non sarebbe un problema accoglierli in Veneto, proponendo un calcolo matematico di suddivisione di queste persone in tutti i 579 comuni veneti". Il candidato presidente del M5S Jacopo Berti invita a ragionare: "Fermiamoci, stanno tutti dando i numeri - dice - per la Moretti non è un problema accoglierli in Veneto? Allora metta a disposizione casa sua. Dia l'esempio per una volta. Gli immigrati sono persone, non sono numeri. Siamo seri, il M5s è l'unica forza ad aver trattato il problema in modo umano”. "Il 18 dicembre la Camera dei Deputati ha accolto la mozione del Movimento 5 Stelle sul superamento di Dublino III. Fra le modifiche proposte quella che non sia il Paese di approdo o una sua regione a farsi carico dei migranti. Vogliamo che a chi arriva in Italia, che fa parte della Ue e aderisce a Schengen – sottolinea Berti - venga offerta la possibilità di scegliersi il Paese che vuole nella Ue e pagargli il viaggio”.

Leggi anche

SIDDURA