Design: piccolo è ancora bello in Italia, e guarda al Medio Oriente (3)

economia
AdnKronos
(AdnKronos) - “Abbiamo tante richieste" confidano Macagno e De Ponti, evidenziando l'importanza di poter "adattare le proprie collezioni" alle necessità di quel mercato, come ad esempio " l'uso di legni più scuri". Chiaramente la differenza la fa spesso proprio il mercato di riferimento. E sulla dimensione internazionale che possono assumere i piccoli, un esempio è proprio offerto da un progetto realizzato da Colè in medio Oriente: un ristorante cinese e Dubai, Jumeirah.Intanto si lavora alla prossima edizione del Salone del Mobile, la manifestazione dove vengono presentate in anteprima mondiale le novità. Colè ne anticipa due: una sedia destinata al contract e una mensola che rappresenta più la poesia "perché vorremmo mantenere questa identità di forme".Da editori, Macagno e De Ponti collaborano con progettisti in modo continuativo e fanno costantemente scouting. Quest’anno i prodotti nuovi nascono dalla collaborazione con Bellavista Piccini, “che sono architetti che si sono avvicinati al design con una sensibilità incredibile” e Martinelli - Venezia, “che hanno una mano super poetica” oltre a Lorenz Katz, ”i nostri designer di sempre”. "Qualsiasi cosa noi facciamo cerchiamo di inserirla in un contesto progettuale e culturale che non vogliamo perdere di vista, anche facendo contract, che riusciamo a dare grazie al dialogo con i progettisti. Possiamo costruire un mondo molto morbido che si inserisce all'interno di un ambiente caldo, con tanto colore ma con la presenza costante del legno.

Leggi anche