Alitalia: il precedente, la breve stagione dei dipendenti-azionisti/Adnkronos (3)

economia
AdnKronos
(AdnKronos) - Provvisoriamente vennero nominati tre consiglieri nel cda in rappresentanza dei lavoratori. Successivamente, venne firmato, nel giugno del 1998, un accordo quadro tra azienda e sindacati sulla partecipazione azionaria dei dipendenti, per un ammontare complessivo di 520 milioni di euro, che prevedeva il varo di un nuovo organismo per regolare la partecipazione al capitale dei soci-lavoratori. In questo modo, si poteva procedere all'elezione, tramite voto di lista, dei membri in consiglio di amministrazione. La distribuzione delle azioni prevedeva l'assegnazione del 7,11 per cento ai piloti, 6,8 al personale di terra, 6,4 agli assistenti di volo.I sindacati e le associazione professionali diedero quindi vita alla Scarl, la società cooperativa dei dipendenti Alitalia. Negli anni che seguirono la Scarl non ha avuto vita facile per contrasti interni al fronte sindacale e poi si è progressivamente svuotata. Sulla stagione dell'azionariato dei dipendenti è poi calato il sipario nel 2004 con l'arrivo, nel pieno di un'ennesima crisi, di Giancarlo Cimoli ai vertici della compagnia.

Leggi anche