Trasporti: Interporto Sud Europa, nostro percorso da seguire

economia
AdnKronos
Roma, 10 ago. (AdnKronos) - "La perdurante diffusione di notizie da parte di alcuni organi di stampa che chiamano in causa l’Interporto Sud Europa rovinandone l’immagine agli occhi di istituzioni, cittadini, lavoratori, opinion leaders, stakeholders e tutti quelli che operano nell’infrastruttura, esige una risposta chiara e netta. Non si può continuamente tirare in ballo il buon nome di un’azienda come l’Interporto Sud Europa che, nel corso degli anni, ha ottenuto successi notevoli dal punto di vista occupazionale, dando lavoro a oltre 3mila addetti, escluso l’indotto, ed è diventata un hub importantissimo della logistica, un vero e proprio ponte che collega l’intera Europa con l’Oriente. E non è cosa da poco". Così in una nota Interporto Sud Europa (Ise) che è sede di servizi logistici che presidiano e controllano l’intera catena distributiva delle merci."L’enorme lavoro svolto in questi decenni, tra tanti ostacoli e sacrifici ma con la costanza tipica di chi è consapevole che ce l’avrebbe fatta - sottolinea la società-, ha consentito di rilanciare il territorio di una vasta area a metà strada tra le province di Napoli e Caserta e raccordarlo alle infrastrutture autostradali e ferroviarie. Oggi tutti parlano del nostro percorso imprenditoriale come modello virtuoso da seguire, compresi i potenziali e/o futuri clienti italiani e stranieri, interessati a entrare in contatto con l’Interporto, anche alla luce dei benefici delle ZES (Zona Economica Speciale)".

Leggi anche