Hera: al via a Sant'Agata Bolognese impianto biometano da rifiuti organici (2)

economia
AdnKronos
(AdnKronos) - Il biometano, commenta Tomaso Tommasi di Vignano, presidente esecutivo del gruppo Hera, "ci vede impegnati da tempo e questa giornata, in particolare, corona il lavoro di anni, mettendo al servizio della nostra comunità un impianto nato da ricerche, studi e gare europee che ci hanno portato a selezionare il meglio di ciò che oggi è sul mercato". Del resto, aggiunge Tommasi, "le energie rinnovabili devono necessariamente agganciarsi a processi di industrializzazione capaci di svilupparne le potenzialità su larga scala, e in questo senso l’impianto di Sant’Agata si candida a costituire un esempio replicabile anche altrove, soprattutto - conclude il presidente di Hera - alla luce di un quadro normativo finalmente favorevole, che rappresenta un valore aggiunto fondamentale per lo sviluppo del settore"."Si taglia il nastro di un’opera all’insegna dell’innovazione che guarda alla transizione energetica verso la low carbon economy: il biometano rappresenta un’opportunità importante per ridurre l’uso delle fonti fossili e alleggerire l’impronta energetica della nostra regione, in un’ottica di economia circolare", commenta Paola Gazzolo, Assessore Regionale alla difesa del suolo e della costa, protezione civile e politiche ambientali e della montagna. L’energia rinnovabile, rileva, "è un caposaldo della svolta green a cui tende l’Emilia-Romagna con le politiche messe in campo dall’avvio del mandato: una svolta che ha l’obiettivo di rispondere ai fenomeni di cambiamento climatico in corso e ridurre l’uso delle materie prime, promuovendone il recupero e riutilizzo. Proprio perché sono limitate, serve risparmiarle e preservare il valore dei prodotti e dei materiali: il progetto realizzato da Hera a Sant’Agata va appunto in questa direzione".

Leggi anche