Ferrovie: Ansf, più incidenti ma meno vittime, allarme pedoni e manutenzione (3)

economia
AdnKronos
(AdnKronos) - L’Agenzia è nata ufficialmente il 16 giugno 2008 con il recepimento di una direttiva comunitaria che imponeva un’autorità terza per la regolazione e il controllo della sicurezza sui binari in un momento in cui il mercato ferroviario si stava aprendo alla concorrenza. In questo scenario, l’Italia è stata al passo con le scelte europee ed oggi è l’unico paese nell’Ue che può vantare due operatori sull’Alta velocità, oltre a molte imprese private che operano nel cargo ferroviario. Lo scorso giugno l’ANSF ha pubblicato un volume (scaricabile gratuitamente dal sito www.ansf.it) che ripercorre le tappe più importanti del percorso intrapreso, racconta la storia di un’istituzione che, partendo da competenze nate in un contesto monopolista, è stata in grado di garantire autonomia e terzietà, di procedere al riordino normativo e di affrontare nuove e importanti sfide. In primis, la giurisdizione sulle ferrovie regionali interconnesse e sulle reti isolate, oltre a guardare all’entrata in vigore del IV Pacchetto ferroviario che dal prossimo anno cambierà processi ed equilibri in Europa e negli Stati membri. Due i temi che stanno contraddistinguendo l’attività dell’ANSF e degli operatori ferroviari in questi mesi: l’allineamento dei livelli di sicurezza su tutte le parti del sistema ferroviario, in particolare sulle reti regionali interconnesse, e l’innalzamento dell’efficacia dei processi manutentivi. Inoltre, gli operatori devono promuovere l’integrazione nei propri Sistemi di Gestione della Sicurezza della “Safety Culture”. Sul tema è in programma un convegno organizzato dall’Agenzia a Firenze il prossimo dicembre. Da parte sua, l’ANSF lavora per intensificare il dialogo con il mondo ferroviario, per la supervisione sulle reti regionali e per la definizione delle norme tecniche e degli standard di sicurezza applicabili alle reti isolate, non connesse funzionalmente con il resto del sistema ferroviario nazionale, che ricadranno sotto la competenza dell’Agenzia a partire dal 1° luglio 2019.

Leggi anche

SIDDURA