Riforme: Quagliariello, 'da Fi sì per cambiare non abrogare democrazia'

politica
AdnKronos
Roma, 7 feb. (AdnKronos) - “Un sì per riformare la democrazia rappresentativa, non per abrogarla. Ridurre il numero dei parlamentari può significare dare al Parlamento più efficienza e più competenza". Così Gaetano Quagliariello motiva il sì di Forza Italia al ddl che riduce il numero di senatori e deputati."Non è questione -spiega- di cadreghe e di stipendi: per ridurre i costi, basterebbe evitare di intasare gli attuali Palazzi di governo e ridurre stipendi faraonici di qualche portavoce. Io stesso, ancor prima che lo facesse la maggioranza, ho presentato un disegno di legge che prevedeva lo stesso taglio, con l’obiettivo di migliorare la qualità delle nostre istituzioni. Il nostro sì è dunque un’apertura di credito, non daremo a nessuno alibi. Se però tutto ciò si ridurrà a una squallida pagina di antiparlamentarismo, saremo i primi a denunciarlo".

Leggi anche

SIDDURA MAÌA