Palermo: maxi inchiesta per voto di scambio, Tra i 96 indagati anche Cuffaro e Pagano

cronaca
AdnKronos
Palermo, 15 mar. (AdnKronos) - La Procura di Termini Imerese (Palermo) ha chiuso la maxi inchiesta sul voto di scambio che coinvolge politici ed ex potenti che adesso rischiano il processo. Sono 96 gli indagati e 71 i capi d'imputazione. Coinvolti, tra gli altri, l'assessore regionale siciliano al Territorio, Salvatore Cordaro; l'ex presidente della Regione Salvatore Cuffaro ma anche Alessandro Aricò, capogruppo del movimento 'Diventerà bellissima'. E ancora: il deputato leghista Alessandro Pagano e l'ex deputato, sempre leghista, Salvino Caputo. Le ipotesi principali sono di voto di scambio, con promesse elettorali di assunzioni, superamento di esami di maturità, ammissione in scuole di specializzazione, appalti assegnati a imprese di comodo presso cui far lavorare elettori. Secondo i magistrati il sistema di scambio di voti sarebbe stato messo su per condizionare due competizioni elettorali, cioè le regionali del 2017 e le comunali di Termini Imerese. L'indagine era stata avviata due anni fa dopo il caso Caputo, quando vennero indagati i fratelli Salvino e Mario Caputo. Quest'ultimo sarebbe stato candidato al posto del fratello, che non poteva candidarsi dopo la condanna per abuso d'ufficio. Cuffaro, invece, è accusato di corruzione elettorale in concorso con Filippo Maria Tripoli.

Leggi anche

SIDDURA TÌROS