Clima: Di Maio, 'oggi giornata importante per il mondo'

politica
AdnKronos
Roma, 15 mar. (AdnKronos) - Oggi è un giorno importante per il mondo: ci sono oltre 1.300 città in 98 Paesi, in cui studenti –e non solo– manifestano senza bandiere per il clima. L’Italia, con le sue 109 piazze, è tra le prime tre nazioni al Mondo più attive insieme a Germania e Stati Uniti. E' uno sciopero pacifico, per il clima lanciato grazie all’iniziativa di Greta Thunberg, una studentessa svedese che sta lottando contro il surriscaldamento globale e l’emergenza climatica". Lo scrive sul Blog delle Stelle il vicepresidente del Consiglio, Luigi Di Maio."Ogni anno, in Italia, secondo l’Organizzazione mondiale della sanità ricorda- muoiono prima del tempo 90.000 persone a causa dell’inquinamento. E’ una strage silenziosa. E il 95% dei cittadini europei a rischio secondo l’Agenzia europea dell’ambiente vivono nel Nord Italia. Secondo le Nazioni unite, ci rimangono una decina di anni per agire in maniera decisa e cambiare una situazione che metterà a rischio il futuro della nostra vita sul Pianeta. Bisogna riflettere su come siamo arrivati fin qui. Uno sviluppo senza limiti, guidato dall’illusione che si possa distruggere l’equilibrio del Pianeta, ha portato al surriscaldamento del clima". "Questi giovani che oggi manifestano -dice ancora il vicepremier- parlano a noi e parlano di futuro. Vogliamo e dobbiamo ascoltare questi giovani che a noi del Movimento 5 Stelle ricordano quelli che oltre dieci anni fa scendevano in piazza per chiedere il cambiamento etico della politica. Più questi giovani spingeranno verso il cambiamento e verso la riconversione ecologica dell’Italia e del Mondo e più potremo salvare il Pianeta. Tutti insieme. Perché qui i destini del Mondo -conclude Di Maio- si salvano solo con una alleanza tra giovani generazioni, industria, ricerca innovativa e ogni parte sociale. Vi auguro buona marcia, noi ci siamo per ascoltarvi e per agire tutti insieme. Perché l’ambiente è di tutti e sul clima non ci devono essere compromessi".

Leggi anche