Sicurezza: lettera Fico a presidenti commissione, riammesse norme su Ps e Viminale

politica
AdnKronos
Roma, 12 lug. (AdnKronos) - "Convengo con Lei che non possano essere dichiarati ammissibili emendamenti che, non essendo strettamente attinenti agli specifici contenuti del decreto, risultino conducibili solamente alle sue generali finalità". Si legge nella lettera inviata dal presidente della Camera, Roberto Fico, ai presidenti delle commissioni Affari Costituzionali e e Giustizia, a proposito del dl Sicurezza bis. "Rilevo tuttavia che - in coerenza con quanto affermato dalla Presidenza delle commissioni riunite nella seduta dell'11 luglio in ordine alla riammissione delle 'proposte emendative oggetto di ricorso che riguardano misure per rafforzare le risorse finanziarie, umane o strumentali a disposizione delle forze di polizia chiamare ad attuare le previsioni contenute nel decreto-legge' - appare da rivedere il giudizio di inammissibilità relativo agli emendamenti volti a rafforzare le risorse finanziarie, umane o strumentali a disposizione dell'amministrazione civile del Ministero dell'Interno, alla luce delle nuove funzioni attribuite dal decreto al medesimo Ministero". "In tale contesto reputo altresì opportuno rivalutare l'ammissibilità dei commi 1 e 2 dell'articolo aggiuntivo 12.02, le cui disposizioni appaiono riferibili al personale delle forze di polizia chiamato ad attuare le previsioni contenute nel decreto. Concordo infine con la sua proposta di considerare ammissibile l'articolo aggiuntivo Deidda 8.017, vertente su materia analoga a quella dell'oggetto di proposte emendative già ritenute ammissibili".

Leggi anche

SIDDURA MAÌA