Ex Ilva: Calenda, 'basta fesserie, ritiriamo su pantaloni dopo esserceli calati' (2)

politica
AdnKronos
(Adnkronos) - "Terzo elemento -prosegue Calenda- la parte economica: questo non basterà. La prima cosa che bisogna fare è tornare all’accordo sindacale che avevo proposto prima che Di Maio lo stravolgesse. L’accordo sindacale prevedeva che un pezzo dei lavoratori dell’Ilva, che - già si sapeva - sarebbero stati in esubero, vadano in una società mista, tra Invitalia e l’amministrazione straordinaria. Per fare cosa? Le bonifiche, che non competono a Mittal. E una serie di lavori per Mittal. Penso alle mense, per esempio, con un accordo che faccia si che Mittal paghi per quel servizio ma non abbia in carico i lavoratori". "Il secondo elemento su cui ci può aprire un negoziato con Mittal è quello relativo agli interventi ambientali. Gli interventi ambientali vanno fatti subito e rapidamente. Possiamo usare un pezzo dei soldi ripresi ai Riva per le bonifiche esterne per coprire gli interventi ambientali. Sui parchi minerari, già abbiamo iniziato ad anticipare per accelerare i lavori, questa è una cosa su cui possiamo fare un negoziato".

Leggi anche