Cina: Diana Bracco, 'imprese possono crescere, investire in capitale umano e tecnologia'

economia
AdnKronos
Milano, 10 dic. (Adnkronos) - "Il messaggio che le imprese premiate mandano alle istituzioni non solo italiane è che con la Cina si può competere e in Cina si può crescere, a patto di saper innovare ed investire in tecnologia e capitale umano. Dobbiamo armarci di competenze di alto livello perché scienza e tecnologia sono il vero supporto alla crescita economica e il volano delle nostre esportazioni di prodotti ad alto valore aggiunto". Lo ha detto Diana Bracco, vice presidente esecutivo della Fondazione Italia Cina, in occasione della 14esima edizione dei China Awards. Ventotto società italiane, sei cinesi, due atleti e due artisti: sono i 38 vincitori della 14esima edizione dei China Awards, i riconoscimenti che ogni anno la Fondazione Italia Cina e Mf-Milano Finanza assegnano alle aziende e alle personalità che meglio hanno saputo cogliere le opportunità di interscambio tra Italia e Cina. La consegna dei premi è avvenuta al Museo della Scienza e della Tecnologia di Milano ed è stata seguita da una cena di beneficenza a sostegno di Ai.Bi. - Amici dei Bambini, organizzazione non governativa che si occupa di adozioni internazionali, anche dalla Cina, dove ha aperto la sua casa famiglia di Xi’an. "La Fondazione -ha continuato Bracco- darà sempre maggiore spazio alla formazione di imprenditori e dirigenti di marketing, quel capitale umano che oggi sempre più dobbiamo mettere a frutto, per portare le nostre aziende nei mercati globali".La serata ha visto la partecipazione di circa trecento rappresentanti del mondo imprenditoriale e industriale italiano. A fare gli onori di casa Diana Bracco e Paolo Panerai, vice presidente e ad di Class Editori che hanno accolto, tra gli ospiti, l’ambasciatore della Repubblica Popolare Cinese in Italia Li Junhua, il sottosegretario di Stato agli Affari Esteri e alla Cooperazione Internazionale Ivan Scalfarotto e Romano Prodi, nel ruolo di keynote speaker. L’edizione 2019 è stata realizzata con il patrocinio del Ministero degli Affari Esteri e della Camera di Commercio Italo Cinese e in partnership con la Camera di Commercio Italiana in Cina.

Leggi anche