Palermo: confiscati beni per oltre 1 mln di euro a due trafficanti

cronaca
AdnKronos
Palermo, 3 gen. (Adnkronos) - Un patrimonio di oltre un milione di euro è stato confiscato dalla polizia a due palermitani, Tommaso e Pietro Catalano, padre e figlio di 58 e 37 anni, ritenuti due trafficanti di droga con legami con Cosa Nostra. Il provvedimento, emesso dalla Sezione Misure di prevenzione del tribunale di Palermo su proposta del questore, riguarda tre appartamenti a Palermo, un immobile all’interno di un complesso turistico a Campofelice di Roccella, una villa a Trabia e una Mercedes GLK 200, tutti beni intestati a familiari conviventi. Nel 2015, Tommaso e Pietro Catalano sono stati condannati a 6 e 8 anni di carcere nell'ambito dell'operazione di contrasto al narcotraffico dei Carabinieri di Palermo denominata 'Panta Rei'. Dalle indagini è emerso come i Catalano fossero organici ad una consorteria criminale dedita al traffico di hashish e cocaina tra la Campania e la Sicilia e per la quale gestivano la rete di vendita, il procacciamento della clientela, l'importazione della droga dalla Campania e il mantenimento dei contatti con i fornitori. Una posizione, quella dei Catalano, aggravata dal rapporto con Cosa Nostra e, in particolare, con il mandamento di Porta Nuova.

Leggi anche