Iran: Cangemi (Pci), 'uccisione Soleimani spinge mondo verso guerra, Sicilia esposta a rischi'

esteri
AdnKronos
Palermo, 3 gen. (Adnkronos) - "L'uccisione mirata del generale Soleimani da parte degli Stati Uniti è un cinico atto che spinge il mondo verso la guerra e una spirale incontrollata di violenza. Siamo di fronte ad un passaggio drammatico per l’intera umanità, bisogna scendere in piazza per fermare questa follia". Così Luca Cangemi, della segreteria nazionale del Pci, commentando l'uccisione in Iraq del comandante della Forza Quds, il corpo di elite dei Guardiani della Rivoluzione dell'Iran. "L'Italia, e la Sicilia in particolare, sono investiti pienamente dai venti di guerra a causa della massiccia e incontrollata presenza militare degli Usa sul nostro territorio, allegramente permessa da governi servili e recentemente rafforzata anche sul piano nucleare - aggiunge - In particolare la base di Sigonella, perno della presenza degli Stati Uniti nel Mediterraneo, rampa di lancio delle più oscure imprese degli Usa in Medio Oriente, colloca in prima fila il nostro territorio e lo espone a rischi gravissimi. È necessaria un’immediata mobilitazione popolare perché il nostro territorio non sia una piattaforma di guerra. È ora di costringere le autorità locali e nazionali, che finora hanno fatto irresponsabilmente finta di niente, a prendere posizione".

Leggi anche