Coronavirus: Fontana, 'sì a qualche illegittimità per far arrivare risorse a cittadini'

cronaca
AdnKronos
Milano, 25 mar. (Adnkronos) - Meno burocrazia e 'commi' se serve a far arrivare risorse economiche ai cittadini in difficoltà. Lo chiede il governatore della Lombardia, Attilio Fontana, su Rai1. "Sul fronte economico - dice - sono state prese delle misure, secondo me insufficienti e troppo piccole, ma non voglio fare polemica. Quello che voglio dire è che in questo Paese non si può ancora dover decidere come si farà a erogare i 100 euro, i 600 euro alla gente, che domanda si dovrà fare, a quale ufficio. E' uno di quei momenti in cui, come quando si è in guerra, magari si commette qualche illegittimità ma se la si fa per il bene della gente, vivaddio!", afferma Fontana."Non rispettiamo il comma 7 di una legge eccetera - continua - ma cerchiamo di fare in modo che le risorse arrivino ai nostri cittadini, non mi interessa come, queste sono le cose che bisogna fare". Il presidente torna anche sul tema dei tamponi, spiegando che "se noi avessimo la possibilità di fare 10 milioni di tamponi avrebbe senso", ma non è così e il rischio, argomenta, è che "una persona si infetti un'ora dopo il prelievo. Si sente immune mentre invece è diventata positiva".

Leggi anche

SIDDURA MAÌA