Coronavirus: Presidente Corte appello Palermo, 'abbiamo adottato misure prima del Ministero'

cronaca
AdnKronos
Palermo, 9 apr. (Adnkronos) - "Io non se il Ministero si sia attivato in ritardo al Tribunale di Milano come sostiene il giudice Roia, non so cosa avrebbe potuto fare il Ministero a Milano, ma per quanto riguarda Palermo alcune misure organizzative le abbiamo adottate ancor prima delle indicazioni ministeriali". Così' il Presidente della Corte d'appello di Palermo, Matteo Frasca, in videoconferenza, parlando con i giornalisti, di quanto accaduto a Milano dove il giudice Fabio Roia e la moglie si sono ammalati di Coronavirus e sostengono di averlo preso proprio in Tribunale. "Noi abbiamo subito colto l'opportunità - dice Frasca - di ridurre, ad esempio, gli afflussi del pubblico al Palazzo di giustizia o comunque limitare l'accessp degli avvocati. Insieme con loro abbiamo deciso di limitare l'accesspo dei legali nelle cancellerie, ad esempio, e che utilizzassero gli strumenti telematici". "Abbiamo ridotto anche gli stage formativi - dice ancora - insomma sono state adottate una serie di misure anche prima del Ministero perché potevano essere adottati dai capi degli uffici".

Leggi anche