Coronavirus: Conte a Lodi, 'qui avamposto presidio sanitario, Italia orgogliosa'

politica
AdnKronos
Roma, 28 apr. (Adnkronos) - "Cinturare il lodigiano è stata una grande sfida, l'abbiamo presa consapevoli che avremmo dovuto sopperire a tante necessità, un imperativo morale. Nella zona rossa ci sono 45mila abitanti, non potevamo disinteressarci ai contraccolpi economici e sociali". Così il premier Giuseppe Conte, nel corso del suo punto stampa a Lodi.Il presidente del Consiglio ha incontrato il personale sanitario e li "ho ringraziati per il lavoro egregio svolto. La mia prima uscita pubblica" post emergenza Covid-19 "in Lombardia non è casuale, ci tenevo a incontrarli. Qui c'è stato l'avanposto del presidio sanitario", i medici e i sanitari incontrati "mi hanno raccontato" quel che hanno vissuto, "già li avevo sentiti per telefono ma volevo portare la mia testimonianza personale. Ho portato il sentito ringraziamento da parte di tutta la comunità nazionale, ci hanno reso orgogliosi, con la loro abnegazione, dormendo su brandine senza orario. Hanno sviluppato grandi competenze" per contrastare un "nemico per certi versi ancora sconosciuto, sviluppando know-how e best practice".

Leggi anche