Coronavirus: eletti Fvg centrodestra, 'stop contributo Regioni statuto speciale'

politica
AdnKronos
Roma, 29 apr. (Adnkronos) - “L'impatto devastante dell'emergenza sanitaria da Covid-19 avrà maggiori ripercussioni sulle Regioni a Statuto speciale e le Province autonome. Necessario sospendere il contributo straordinario per il biennio 2020-2021 e consentire ampliamento nel ricorso al debito e al mercato finanziario”. E’ quanto chiede un folto gruppo tra deputati, senatori e europarlamentari di centro-destra del Friuli Venezia Giulia, Walter Rizzetto (FdI), Luca Ciriani (FdI), Sandra Savino (FI), Roberto Novelli (FI), Franco Dal Mas (FI), Laura Stabile (FI), Guido Germano Pettarin (FI), Vannia Gava (Lega), Aurelia Bubisutti (Lega), Daniele Moschioni (Lega), Massimiliano Pannizut (Lega), Raffaella Marin (Lega), Mario Pittoni (Lega), Marco Dreosto (Lega), Elena Lizzi (Lega), Renzo Tondo (Misto).“Questi Enti - spiegano gli eletti in una nota - non hanno trasferimenti diretti dallo Stato, pertanto, solo con entrate proprie e da compartecipazione provvedono alla copertura dei servizi essenziali da garantire ai cittadini. In accordo con il Presidente di Regione Massimiliano Fedriga, riteniamo prioritario in questa fase sospendere il contributo annuale aggiuntivo che le Regioni a Statuto speciale versano dal 2011, anche perché si tratta di un adempimento che come ha chiarito la Corte Costituzionale deve avere carattere transitorio. Chiediamo inoltre che temporaneamente sia riconosciuta maggiore flessibilità nel ricorso al debito e la rimozione dei vincoli troppo penalizzanti nell’accesso al mercato finanziario. Solo con questi interventi le Regioni a Statuto speciale saranno in grado di dare reale sostegno a famiglie e imprese in questo periodo di crisi economica“, concludono i rappresentanti del Friuli Venezia Giulia, che su queste misure hanno chiesto un incontro urgente con il ministro per i Rapporti con il Parlamento Federico D’Incà e annunciano la presentazione di atti sia normativi che di indirizzo politico.

Leggi anche