Coronavirus: da Boccia no stop a preferenze, possibile valutare nuove date per voto

politica
AdnKronos
Roma, 4 mag. (Adnkronos) - "Le valutazioni che il segretario Udc, Lorenzo Cesa, attribuisce al ministro per gli Affari regionali e le Autonomie, Francesco Boccia, su una presunta 'proposta di abolire il diritto di scelta dei propri rappresentanti nelle assemblee comunali o regionali' non sono mai state pronunciate in nessun contesto". E' quanto precisa un comunicato dell'Ufficio stampa dell'esponente dell'esecutivo."Quello che il ministro Boccia pensa sulla necessità di inserire le preferenze nelle leggi elettorali -prosegue la nota- è agli atti parlamentari. Il governo ha fatto una proposta iniziale sulla possibile finestra per svolgere le elezioni regionali sulla base delle valutazioni scientifiche e sui dati epidemiologici, se queste cambiano è opportuno che il Parlamento valuti eventuali aperture di finestre più ampie esclusivamente per evitare che la finestra settembre-novembre risulti stretta e condizionata da un possibile contagio di ritorno che nessuno auspica".

Leggi anche

SIDDURA