Carceri: Di Matteo, 'ho parlato ora per irrefrenabile bisogno di raccontare i fatti'

cronaca
AdnKronos
Palermo, 6 mag. (Adnkronos) - "Domenica sera, quando ho sentito fare il mio nome inserendolo in una presunta trattativa ho sentito l'irrefrenabile bisogno di raccontare i fatti, al di là delle strumentalizzazioni". Lo ha raccontato, intervistato da Repubblica, il consigliere del Csm Antonino Di Matteo, spiegando perché ha deciso di raccontare solo adesso quanto accadde nel giugno del 2018 sulla nomina al Dap. "Dopo le dimissioni di Basentini - ha detto Di Matteo - proprio come due anni fa, alcuni giornali hanno di nuovo scritto che mi avrebbero fatto capo del Dap. Quando Roberto Tartaglia è diventato vicedirettore del Dap eccoli scrivere 'arriva il piccolo Di Matteo'. Poi quando (nella trasmissione di Giletti ndr) ha sentito fare il suo nome, ha alzato il telefono e ha chiamato il conduttore per ripercorrere quei giorni.

Leggi anche