Giustizia: Orlando, 'Di Matteo chiarisca in sedi istituzionali, normale confronto su nomine'

politica
AdnKronos
Roma, 6 mag. (Adnkronos) - "Che quando si fa una nomina di un capo dipartimento importante come il Dap ci siamo pressioni fa parte del gioco democratico e quindi non ci vedo niente di strano che ci sia una dialettica tra posizioni diverse, è abbastanza fisiologico. Escluderei che Bonafede si sia messo a discutere con i boss mafiosi su chi era il capo del dipartimento che preferivano. La cosa che mi sembra più strana è che Di Matteo attenda diversi anni per accorgersi di questa incongruenza. Sicuramente, oltre che nelle interviste, dovrà trovare il modo di chiarire le sue valutazioni anche in sedi istituzionali, è un'esigenza che vale anche per lui essendo impegnato in una delicata funzione istituzionale". Lo ha affermato il vicesegretario del Pd, Andrea Orlando, ospite di 'Omnibus' su La7.

Leggi anche