Coronavirus: Gori, 'ritardi su tamponi in Lombardia e su app contatti'

cronaca
AdnKronos
Milano, 6 mag. (Adnkronos) - Nel contrasto all'emergenza coronavirus "ci sono stati e ci sono ritardi su più fronti, regionali e nazionali. Su tutta la Lombardia, nel giorno della riapertura, abbiamo fatto appena 7 mila tamponi: troppo pochi per garantire una ripartenza in sicurezza. Ma se dopo oltre due mesi di pandemia non disponiamo ancora di una app per il contact tracing, è chiaro che anche a Roma non tutto è andato come doveva". Lo afferma il sindaco di Bergamo, Giorgio Gori, in un'intervista al Foglio. Prima dell'avvio della Fase 2 dell'emergenza coronavirus, continua, "va affrontato l’aspetto sanitario, che è tutt’altro che superato. A questa riapertura saremmo dovuti arrivare con una capacità di tracciamento e di isolamento dei nuovi positivi molto maggiore. Facciamo fatica a mappare la popolazione, e di conseguenza fatichiamo a intervenire con prontezza per spegnere un eventuale riacutizzarsi dei contagi. Abbiamo un buco informativo che siamo costretti a colmare facendo accorati appelli alla responsabilità ai nostri cittadini, che stanno dimostrando uno grande senso civico”.

Leggi anche