Fase 2: Salvini, 'calcio riparta con regole ma no a pregiudizi'

politica
AdnKronos
Roma, 6 mag. (Adnkronos) - La ripresa del campionato di calcio "sicuramente sarebbe un segnale di ripartenza ma soprattuto è un settore che dà lavoro a centomila persone. Il calcio non è solo Cristiano Ronaldo o Ibrahimovic, sono migliaia e migliaia di stipendi da 800 o mille euro al mese. Quindi è chiaro che l'intero settore dello sport o ha delle regole chiare su come ripartire, chi è in grado di rispettarle riparte, chi non è in grado di rispettarle non riparte. L'importante è che non ci siano a livello di Stato e di governo dei pregiudizi: tutti sì tranne lo sport, tutti sì tranne il calcio". Lo ha affermato il segretario della Lega, Matteo Salvini, ospite di 'Start' su Sky Tg 24. "

Leggi anche