Fase 2: Sangalli, 'a imprese servono indennizzi e contributi a fondo perduto'

economia
AdnKronos
Milano, 6 mag. (Adnkronos) - "I sostegni previsti dai vari decreti, oltre a non essere ancora arrivati alle imprese per via di tortuose procedure burocratiche, sono ancora insufficienti. Mancano infatti indennizzi e contributi a fondo perduto, una moratoria fiscale per il 2020 anche sul fronte dei tributi locali e aiuti per gli affitti commerciali". Lo afferma il presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli. "Come non capire -si chiede Sangalli- che a una situazione di emergenza straordinaria occorre rispondere rapidamente con procedure e strumenti straordinari? Come non capire che non ci potrà mai essere un Fase 2 né tantomeno 3 senza sostenere soprattutto la rete delle micro e piccole imprese non più in grado di reggere ulteriori perdite economiche? Ci aspetta un periodo ancora difficile e pieno di incognite. Per affrontarlo e ricostruire la fiducia servono misure chiare, certe ed efficaci. Ma servono subito per evitare danni sociali ed economici irreparabili”. Dopo oltre due mesi di lockdown "la stragrande maggioranza delle imprese non ha ancora ricevuto gli aiuti promessi. Il problema è tanto più drammatico se si pensa che la Fase 2 sarà progressiva e sperimentale, dunque tutt’altro che in grado di permettere una ripartenza piena. Il che significa aziende e posti di lavoro realmente a rischio", conclude.

Leggi anche