Coronavirus: Lega, no a presidente 'di parte' commissione inchiesta Lombardia

cronaca
AdnKronos
Milano, 20 mag. (Adnkronos) - "Noi siamo convintamente a favore della Commissione d’inchiesta regionale sulla pandemia da Covid-19. Tutto quello che serve per la trasparenza nei confronti dei cittadini ci vedrà, infatti, sempre d’accordo. Occorre, tuttavia, che a guidarla sia una persona che dia sufficienti garanzie di equità”. Così Roberto Anelli, capogruppo della Lega in Regione Lombardia, in risposta alle dichiarazioni di Pd e M5S."Proprio perché la Commissione d’inchiesta dovrà funzionare in maniera seria e impeccabile – sottolinea Anelli – è fondamentale che il suo lavoro non sia influenzato dal rischio di strumentalizzazioni politiche. Il fatto che il gruppo del Partito democratico abbia portato, in un momento delicato come i giorni di preparazione per l’istituzione di questa Commissione, una mozione di sfiducia contro l’assessore alla Sanità, dimostra come la presidenza della Commissione debba andare a chi dia maggiori garanzie di obiettività ed equità. Riteniamo ci siano altri autorevoli esponenti delle opposizioni che possono rivestire il ruolo di Presidente". Secondo Anelli, "se continuano con una posizione come quella avuta fino ad oggi mi può venire anche il dubbio che siano proprio loro a non voler far partire la Commissione d’inchiesta”.

Leggi anche

SIDDURA