Corruzione: arresti Palermo, ordinanza 'indagati spregiudicati, strategia affaristico corruttiva'

cronaca
AdnKronos
Palermo, 21 mag. (Adnkronos) - "Dalle inequivoche conversazioni in atti si trae la prova di una duplice strategia affaristico/corruttiva portata avanti con spregiudicatezza dalla società Tecnologie Sanitarie, che giocava la sua partita su due “tavoli”, quello del Candela, in particolare ansia ed affanno in quanto bramoso di ottenere, alla scadenza del suo incarico, nuovi mandati (cosa poi non avvenuta), e quello di Damiani, che nutriva verso il primo un odio ed una diffidenza, assolutamente reciproche, tali da portarlo a mettersi su posizioni del tutto antagoniste, sul quale pure “scommettere” viste le sue bramosie di incarichi futuri più prestigiosi (come in effetti avvenne cona la nomina all’ASP di Trapani)". Lo scrive sulla misura cautelare il gip del Tribunale di Palermo nell'ambito degli arresti per corruzione, tra cui il coordinatore dell'emergenza Covid Sicilia Antonino Candela.

Leggi anche

SIDDURA