Golfo Aranci

Fase 2: Mazzanti (ct azzurre pallavolo), 'ci mancherà contatto con appassionati sport' (2)

sport
AdnKronos
(Adnkronos) - In particolare, sullo sport al femminile Mazzanti ha fatto notare che “le ragazze sono più conservatrici, legano più cose all’errore rispetto all’uomo. Il mio compito è liberarle e aiutarle a rischiare, generando responsabilità e facendole sentire meno in colpa grazie alla creatività”. Alla domanda su quale sia l’elemento più educativo dello sport a livello agonistico, il coach l’ha individuato nel “campione che si esalta nella gara e nella sfida contro se stesso”. Pensando a grandi atleti che trovano motivazioni anche a 40 anni, Mazzanti ha detto che «se loro pensassero di fare quello che hanno sempre fatto non starebbero più a quel livello. Perché lo sport significa imparare sempre qualcosa di nuovo”.Sul rapporto con le atlete, spesso con radici culturali diverse, l’allenatore della nazionale ha detto che non ci sono mai stati problemi di integrazione: “Quando siamo in palestra non ci sono situazioni da gestire ma persone che tirano fuori il proprio vissuto”. Facendo riferimento al suo scarso inglese, Mazzanti ha confidato che, consigliato dalle sue stesse atlete, preferisce arrabbiarsi in italiano e con i gesti. “Posso assicurare che mi capiscono tutte”.Il coach ha concluso con un elogio all’Università Cattolica e al suo Dual Career, con il quale accompagna nel tenere insieme percorso universitario e sportivo, per il secondo anno, 35 atleti agonistici di 19 diverse discipline di alto livello, tra cui proprio la capitana della nazionale italiana Cristina Chirichella, anch’essa presente al talk dell’Open Week. “È affascinante anche per me. L’anno scorso una nostra giocatrice si è laureata e stiamo lavorando sulla sua tesi di laurea. Per l’Università Cattolica avere atleti di tante discipline è molto importante perché permette uno sguardo trasversale. Anche per me guardare la pallavolo con gli occhi di altri sport è molto arricchente”.

Leggi anche