2 giugno: Berlusconi, 'segnalato rischi per manifestazioni a Roma, lontani da estremismi'

politica
AdnKronos
Roma, 5 giu. (Adnkronos) - Il 2 giugno "molte manifestazioni si sono ordinatamente svolte in tutta Italia, nel pieno rispetto del divieto di assembramento e delle prescrizioni igienico-sanitarie. Un modo sobrio e composto, adatto alla gravità dell’ora, di far sentire la nostra vicinanza all’Italia che soffre. Solo a Roma vi è stato un eccesso di presenze che, del resto, avevo tempestivamente segnalato come possibile rischio, e che ho cercato di scongiurare o contenere fino all’ultimo momento". Lo dice Silvio Berlusconi, in un'intervista a 'La Stampa'."Noi -aggiunge il leader di Fi- siamo un grande partito liberale, cattolico, garantista, europeista, potremmo cavalcare frange sguaiate? Essere seri, concreti e responsabili è nella nostra natura e nella nostra vocazione. In questi mesi lo abbiamo ampiamente dimostrato. Vorrei però aggiungere che queste frange sono del tutto marginali. Non hanno nulla a che fare né con i nostri alleati, né con il centrodestra come lo intendiamo noi: europeo e radicato nei valori dell’Occidente".

Leggi anche

SIDDURA