Fase 3: Gasparri, 'Tridico umiliato da Conte, che aspetta a dimettersi?'

politica
AdnKronos

Roma, 25 giu. (Adnkronos) - “Se il Presidente dell'Inps Tridico avesse un briciolo di dignità, si dimetterebbe immediatamente". A sferrare l'attacco al numero 1 dell'Inps è il senatore di Forza Italia Maurizio Gasparri. Tridico "è stato convocato a Palazzo Chigi dal presidente del Consiglio davanti a tutto il Paese con le telecamere televisive accese. È stato accusato, come apprendiamo dai giornali, di 'insufficiente trasparenza'. È stato umiliato dal Presidente del Consiglio di indirizzo dell'Inps Loy, che ha confermato la cifra di circa un milione e duecentomila persone che non hanno ancora ricevuto il pagamento della cassa integrazione".

"Tridico - incalza ancora l'azzurro - ha mentito agli italiani. Si era impegnato a realizzare tutti i pagamenti entro il 12 giugno e così non è stato. Ha occultato cifre che abbiamo comunque rivelato ricevendole da fonti autorevoli dell'Inps. È stato sbugiardato da chi lo ha nominato. Ma ce l'ha un po' di dignità e un po' di sangue nelle vene? Si dimetta e scompaia dopo aver umiliato milioni di famiglie che non hanno beccato un euro grazie alla sua incapacità gestionale. E dovrebbe imitarlo anche il direttore generale, che nei giorni scorsi era in vacanza sull'isola di Giannutri mentre c'erano queste emergenze. Basta con Tridico. Conte lo ha licenziato davanti al Paese e lui, da tipico grillino, rimane attaccato alla poltrona. Vergogna. A casa”, conclude Gasparri.

Leggi anche