**Pd: Agorà al via a luglio, mongolfiera e carta dei valori per l''intelligenza collettiva' dem** (3)

politica
AdnKronos
(Adnkronos) - (Adnkronos) - "Noi -sottolinea sempre Oddati- puntiamo sulle Agorà fisiche, ma saranno anche ibride o solo digitali. E' il portato di quello che abbiamo visto negli ultimi due anni, quando abbiamo tenuto in piedi la vita democratica grazie al digitale, che può essere un potente strumento di democrazia che, però, non si sostituisce al contatto fisico".Per il Nazareno il potenziale delle Agorà è enorme: "Noi vogliamo conferire alle Agorà il potere di decidere sui temi sulle quali le sollecitiamo, di indicare soluzioni. Si tratta del più grande evento di partecipazione democratica mai realizzato in Europa, con decine di migliaia di persone protagoniste". Ma questo non mette in discussione le forme tradizionali della democrazia? "Il Pd ha 5mila Circoli, 400mila iscritti. Tutto questo rimane. Ma spesso avvertiamo i limiti di una partecipazione effettiva. Noi vogliamo abbattere le barriere che impediscono la partecipazione, andare oltre e favorire un rapporto tra la nostra struttura organizzata e l'esigenza di apertura". Il punto, per Oddati, è che "le Agorà sono una grande popolazione che si raccoglie dentro un progetto di discussione, elabora idee, proposte, non si limita a un sì o un no. Questo, lo vedremo, produrrà una rigenerazione e un rinnovamento profondo di forma e ruolo del Pd, con la spinta dei cittadini. In questo la differenza con Rousseau è evidente, quello è uno strumento non partecipativo". Le Agorà, tra l'altro, secondo Oddati mandano in soffitta il dibattito sulla Federazione: "E' una idea antica. Non sono le segreterie dei partiti che decidono. Qui è diverso, siamo come ai tempi dei comitati per Prodi e per l'Ulivo, che cambiarono la natura del partito e poi la storia politica italiana. Le Agorà possono avere la stessa spinta, è quello di cui c'è bisogno".

Leggi anche

SIDDURA