Pedofilia: prete arrestato in intercettazione 'facciamo la videochiamata tutti e due soli?...'

cronaca
AdnKronos
Palermo, 3 ago. (Adnkronos) - "Facciamo la video chiamata tutte e due soli come l’altra volta… te lo ricordi?". "Sì, certo…". E' il 21 aprile scorso e a parlare sono il prete di Perugia arrestato per prostituzione minorile e un ragazzino di Termini Imerese. I due si mettono d'accordo per una chat per fare sesso a distanza. In cambio di soldi. "Possiamo farla… almeno così… così almeno domani… almeno mi compro le sigarette… perché non ho una sigaretta da ieri sera… […incomprensibile…]…", dice il ragazzino. "Domani… domani… domani ti mando qualcosa… domani mattina… va bene?", gli risponde il prete. "Va bene! Ora io finisco di sistemare…". Poi il religioso chiede come si chiama l'amico del ragazzo. "ma… lui ha detto che era d’accordo… giusto?", gli chiede. E il ragazzo: "Ah si… però adesso… ora… ora appena arrivo a casa ci parlo io…". "Ma… è d’accordo o no?". "è d’accordo… si! Tranquillo… ci parlo io ora arrivando a casa…". "Ma lui vuole? G. è d’accordo? Penso di no… no?". "lui è fatto così… va bè… comunque dai… ti… ti… ti scrivo dopo io… dai…". "Ti voglio bene… ciao". "Che l’incontro sessuale a distanza dietro il pagamento della somma di denaro sia effettivamente avvenuto immediatamente dopo lo si evince dalla conversazione del giorno dopo", scrive il gip nell'ordinanza come apprende l'Adnkronos.

Leggi anche