Messina: controlli dei carabinieri nel weekend, un arresto per droga e tre denunce

cronaca
AdnKronos
Palermo, 9 ago. (Adnkronos) - E' di una persona arrestata, di tre denunciate e altre tre persone segnalate all'autorità giudiziaria, il bilancio di un weekend di controllo dei Carabinieri della Compagnia di Taormina (Messina) con il supporto dei militari della Compagnia d’intervento Operativo del 12° Reggimento Sicilia, I militari hanno intensificato i controlli nelle aree di Taormina, Giardini Naxos e Sant’Alessio Siculo per la prevenzione ed il contrasto dei reati connessi con la movida estiva e per limitare gli assembramenti nel rispetto della normativa anti-covid.Nel corso di specifico servizio finalizzato al contrasto del fenomeno dello spaccio di stupefacenti, predisposto lungo le principali aree di aggregazione cittadine di Taormina, meta della movida estiva, i Carabinieri hanno arrestato, in flagranza di reato, il 19enne cittadino brasiliano S.F.N.C.E. residente a Letojanni (Messina), poiché ritenuto responsabile del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. I militari dell’Arma, nel corso del servizio antidroga, hanno notato un giovane a bordo di un’utilitaria, in atteggiamento sospetto, fermo in una piazza del centro di Taormina. È stato pertanto predisposto un servizio di osservazione che ha consentito ai Carabinieri di sorprendere il 19enne S.F.N.C.E. mentre consegnava un qualcosa ad un giovane coetaneo. L’immediato intervento dei militari consentiva di bloccare i due giovani ed accertare che l’involucro appena consegnato conteneva due dosi di oltre 3 grammi complessivi di sostanza stupefacente di tipo marijuana. Pertanto, una volta identificati, i due giovani sono stati sottoposti a perquisizione personale e veicolare all’esito della quale, nell’abitacolo dell’autovettura in uso al 19enne S.F.N.C.E., i Carabinieri hanno rinvenuto 21 grammi circa di sostanza stupefacente tipo cocaina, già suddivisa in dosi, e la somma di 670 euro, ritenuta provento dell’attività illecita. Il denaro e la sostanza stupefacente, inviata al Reparto Investigazioni Scientifiche Carabinieri di Messina per le analisi di laboratorio, sono stati sequestrati ed il 19enne cittadino brasiliano è stato arrestato in quanto responsabile di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Ultimate le formalità di rito, su disposizione del Sostituto Procuratore di turno della Procura della Repubblica di Messina, il 19enne è stato ristretto agli arresti domiciliari in attesa di essere giudicato con rito direttissimo. All’esito dell’odierna udienza di convalida, il Giudice del Tribunale di Messina ha convalidato l’arresto operato dai Carabinieri ed ha applicato a carico del 19enne la misura cautelare degli arresti domiciliari.

Leggi anche