Mani pulite: 30 anni fa l'arresto di Mario Chiesa- storia dell'inchiesta/Adnkronos (2)

cronaca
AdnKronos
(Adnkronos) - L'anno si apre con il primo 'no' del Parlamento alla Procura di Milano e ad Antonio Di Pietro: con 180 voti contrari il 13 gennaio 1993 la Camera respinge l'autorizzazione a procedere richiesta per Giancarlo Borra, deputato democristiano di Bergamo, finito nelle maglie di Tangentopoli e divenuto, a Montecitorio, il 'caso' sul quale provare le forze in vista di ben altro dibattito parlamentare, quello per l'autorizzazione a procedere richiesta, in 122 pagine di accuse, nei confronti del leader socialista Bettino Craxi, raggiunto da un avviso di garanzia nel dicembre del 1992. Ed e' proprio il segretario nazionale del 'garofano' a sferzare i colleghi parlamentari con un acceso discorso alla camera il 24 gennaio, nel quale denuncia ''un gioco al massacro in piena regola'' per il quale lancia la proposta che a lungo ha diviso la giustizia dalla politica: una Commissione parlamentare d'inchiesta sulle inchieste milanesi, soprattutto capace di far luce sui finanziamenti registrati dalla politica, se possibile, negli ultimi vent'anni. La proposta cade nel vuoto mentre le inchieste procedono.

Leggi anche

SIDDURA