Covid: Ue, in dicembre mortalità in eccesso al scende al 23%

esteri
AdnKronos
Bruxelles, 16 feb. (Adnkronos) - La mortalità in eccesso nell'Ue è aumentata nell'autunno del 2021, raggiungendo un picco del 26% in novembre e chiudendo l'anno al 23% in dicembre, in calo ma sempre alta. L'indicatore, che misura il numero di decessi eccedenti la media dei medesimi intervalli temporali nel periodo 2016-2019, prima della pandemia di Covid-19, aveva toccato il 6% a luglio, risalendo poi al 9% in agosto, al 13% in settembre e al 18% in ottobre. La situazione in dicembre è stata molto diversa a seconda degli Stati membri: la Svezia, Paese che non ha mai fatto un lockdown ma che è più grande dell'Italia e che conta un sesto degli abitanti, ha avuto una mortalità in eccesso del 4%; la Finlandia e l'Italia del 5%. Per contro, la Slovacchia ha registrato una mortalità in eccesso del 60% e la Polonia del 69%. I precedenti picchi di mortalità in eccesso nell'Ue sono stati registrati nell'aprile 2020 (+25%), nel novembre 2020 (+40%) e ad aprile 2021 (+21%).

Leggi anche

SIDDURA