M5S: libro Sabatini (Casaleggio), 'Conte è fine Movimento, scelto per trasformare voti in poltrone' (2)

politica
AdnKronos
(Adnkronos) - "La banalizzazione che Giuseppe Conte avrebbe operato nel 2021 con la trasformazione del MoVimento 5 Stelle in un partito qualsiasi, era infatti sideralmente lontana, e per molti aspetti eccessivamente inconsistente e mediocre - accusa ancora Sabatini - rispetto all’iniziale e radicale operazione culturale realizzata dai suoi fondatori Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio". "Era per noi inammissibile anche solo immaginare di essere parte di una manovra di camaleontismo che avrebbe reso – come poi avvenne effettivamente – il progetto politico tra i più deflagranti negli ultimi vent’anni, una pallida e indefinita ombra grazie alla luce che Conte stesso avrebbe acceso sul Partito democratico. Quello che ogni giorno vivevo, da fervente attivista ed elettrice, era tutt’altro. Era un’identità che pervadeva ogni aspetto della vita. Era un modo di essere, di pensare e di agire. Era l’occasione per essere una migliore versione di me".Per la compagna di vita di Davide Casaleggio, che con lui decise di disertare l'incontro all'hotel Forum, "il MoVimento era finito. Nelle mani di Giuseppe Conte avrebbe perso la sua identità, la sua unicità e la sua spinta innovatrice, pronto a piegarsi alle logiche di spartizione nei comuni e alla convenienza politica in parlamento. Sarebbe diventato, alla fine di tutto, un partito qualunque".

Leggi anche