M5S: libro Sabatini (Casaleggio) 'Gianroberto tradito con ferocia per smania potere'

politica
AdnKronos
Roma, 17 feb. (Adnkronos) - Gianroberto Casaleggio "era uno dei più grandi visionari che il nostro paese avesse tra le sue fila", ma "le sue idee sono state tradite" dalla "irriconoscenza e dalla smania di potere delle persone più insospettabili: quelle alle quali lui aveva dato più fiducia e che, per interessi personali, invece,sarebbero state le più feroci nel tradirlo". E' una delle accuse di Enrica Sabatini, attivista storica del M5S, socia dell'Associazione Rousseau e compagna di vita di Davide Casaleggio, nel suo libro 'Lady Rousseau', edito da Piemme, in cui muove un duro j'accuse contro il Movimento e i vertici che ne hanno distrutto, a suo dire, valori e progetto.Nel libro, letto in anteprima dall'Adnkronos, Sabatini parla di un disegno portato avanti per far fuori chi voleva preservare i principi del Movimento. "Iprimi obiettivi da eliminare divennero due: Davide Casaleggio e Alessandro Di Battista. Il terzo sarebbe arrivato successivamente e sarebbe stato niente meno che Beppe Grillo, il fondatore stesso del MoVimento 5 Stelle. Noi non ne avevamo ancora contezza, ma qualcuno aveva un piano su come farlo e lo avremmo scoperto molto presto". Nel mirino della compagna di vita di Casaleggio, in particolare, finiscono Vito Crimi, Luigi Di Maio e Giuseppe Conte, tra i principali artefici -stando alle accuse mosse da Sabatini- del "disfacimento del M5S".

Leggi anche