M5S: libro Sabatini (Casaleggio), 'corrotto da desiderio potere e roso da conflitto interessi'

politica
AdnKronos
Roma, 17 feb. (Adnkronos) - "Eravamo consci della battaglia che si stava conducendo contro Rousseau. Era esplicito l’intento di un piccolo gruppo di persone di accentrare il potere nelle proprie mani e di far fuori chiunque si prodigasse per rafforzare la democrazia interna". Il M5S si era trasformato in "un Movimento corrotto dal desiderio di potere e roso dal conflitto di interessi". Lo scrive Enrica Sabatini, attivista storica del M5S, socia dell'Associazione Rousseau e compagna di vita di Davide Casaleggio, nel suo libro 'Lady Rousseau', edito da Piemme e letto in anteprima dall'Adnkronos. Nel libro Sabatini muove un duro j'accuse contro il Movimento e i vertici che ne hanno distrutto, a suo dire, valori e progetto. "Il MoVimento è divenuto nel tempo sempre più schiavo del conflitto di interessi, della sete di potere e di poltrone, della comunicazione invece che della politica, del consenso a tutti i costi - scrive la compagna di vita di Davide Casaleggio -. Era una normale conseguenza, quindi, qualunque comportamento dettato da arroganza, presunzione, mancata trasparenza e soprattutto ingratitudine. Una sorta di “sindrome del beneficato” si sarebbe diffusa come un intenso e stratificato rancore da parte di coloro che avevano ricevuto un beneficio – e sperimentavano un debito di riconoscenza – nei confronti di chi questo beneficio lo aveva consentito: Beppe Grillo e Davide Casaleggio. Non sorprese quindi nessuno che il bersaglio, dopo Rousseau, diventasse lo stesso garante del MoVimento Beppe Grillo", scrive ancora Sabatini ripercorrendo la 'guerra' tra Giuseppe Conte e il garante del Movimento che infiammò la scorsa estate.

Leggi anche