Riaperto il ponte sul Padrongianus
Tempi record per la fine dei lavori

di Antonella Brianda

OLBIA. Trecento giorni. E' questo il tempo che l'impresa Angius ha impiegato per i lavori di ristrutturazione, ammodernamento e messa in sicurezza del ponte sul Rio Padrongianus. Da questa mattina il ponte alle porte di Olbia, sulla strada statale 125 Orientale sarda, è stato riaperto al traffico. Le lunghe file che ogni estate rendevano la percorrenza di questo tratto lenta ed estenuante, saranno solo un ricordo. Niente più transito a senso unico alternato, come è avvenuto negli ultimi sei anni, a causa degli evidenti segni di degrado del ponte costruito negli anni '40. L'inaugurazione rappresenta la fine di un incubo per i residenti della frazione di Murta Maria, che grazie al ponte possono raggiungere Olbia in pochi minuti. Senza dimenticare che questo tratto stradale collega importanti località turistiche e balneari al porto e l'aeroporto della città. In un futuro, si spera non troppo lontano, il ponte sul Padrongianus sarà inoltre la via principale per raggiungere la nuova struttura ospedaliera del San Raffaele.
Alla cerimonia d'inaugurazione hanno partecipato il governatore della Sardegna, Ugo Cappellacci, l'assessore regionale dei Lavori pubblici, Angela Nonnis, l'amministratore unico dell'Anas, Pietro Ciucci e il capo compartimento per la Sardegna, Oriele Fagioli, il sindaco di Olbia, Gianni Giovanelli e il vice presidente reggente della Provincia di Olbia-Tempio, Pietro Carzedda. "La conclusione dei lavori sul ponte del Padrongianus rappresenta un grande passo avanti per quanto riguarda i lavori sulla Sassari-Olbia. Questo è il primo degli undici lotti della strada che è stato completato" ha dichiarato Pietro Ciucci, amministratore unico dell'Anas. "E' per me un grande piacere essere qui ad inaugurare un'opera importantissima per il territorio gallurese ma non solo. Col vento le parole vanno via e restano i fatti; oggi resta il ponte che apre nuove opportunità per tutti", ha detto il Presidente della Regione Ugo Cappellacci. "Per troppo anni i nostri concittadini di Murta Maria hanno sopportato il disagio di questa strada a corsie alternate" ha affermato il sindaco di Olbia Gianni Giovannelli che ha concluso dicendo: "Il vento di maestrale che soffia oggi deve portare via tutte le polemiche che purtroppo hanno caratterizzato l'inizio dei lavori sul ponte".

I lavori di ristrutturazione infatti avevano preso il via il 20 agosto scorso, non senza polemiche. L’impresa Angius, vincitrice dell’appalto, avrebbe dovuto accendere le ruspe il 18 giugno 2012, ma le lamentele del sindaco di Loiri Porto San Paolo e dei cittadini della frazione di Murta Maria, oltre che dei dipendenti stagionali dell’ipermercato Auchan a pochi passi dal ponte, avevano indotto il sindaco di Olbia ad emettere un’ordinanza comunale, con la quale l’inizio dei lavori venne rinviato. L'impresa sassarese aveva allora garantito di portare a termine l'opera entro metà giugno 2013. Nonostante il maltempo abbia costretto più volte gli operai a interrompere i lavori, nei trecento giorni prestabiliti il ponte sul Padrongianus è stato riconsegnato alla città.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
SIDDURA MAÌA